Partita Adriese vs Union Feltre, Serie D Girone C

Serie D Girone C | 18^ giornata | Stagione 2017/2018

1-2

Serie D Girone C, Adriese vs Union Feltre

Tabellino

ADRIESE (4-3-1-2): Motti; Anostini, Ballarin, Dall'Ara, Martino; Incatasciato (43' s.t. Pregnolato), Pagan, Busetto; Rosati (22' s.t. Bellemo); Marangon, Santi.
Allenatore Gianluca Mattiazzi.

UNION FELTRE (4-3-3): Borrelli; Pinton, Busatto, Guagnetti, Gjoshi; Pelizzer, Giacomazzi, Solagna (22' s.t. Rizzo); Madiotto (27' s.t. Episcopo), Calì, Cossalter (47' s.t. Stefani).
Allenatore Andrea Pagan.

ARBITRO: Leonardo Tesi di Lucca.
MARCATORI: 43' p.t. Madiotto su rig. (UF); 18' s.t. Santi (AD), 39' s.t. Gjoshi (UF).
NOTE: pomeriggio coperto, terreno in buone condizioni, spettatori 400 circa. Recupero p.t. 0', s.t. 5'. Angoli 4-2 per l'Union Feltre. Ammoniti Pagan ed Anostini (AD), Guagnetti e Calì (UF). Espulsi Pagan (AD, 20' s.t.) e Guagnetti (UF, 24' s.t.) per doppia ammonizione. Al 42' s.t. Busetto (AD) fallisce un calcio di rigore.

Cronaca

Ci mancava, una vittoria così. Sofferta, bella e pesantissima: battuta e scavalcata l'Adriese, oggi guadagniamo tre punti pure su Belluno, Este e Mantova. Non si può non guardare in su: ora il quinto posto dista appena quattro lunghezze. I play-out, sei. Se è tempo di stabilire per cosa si vuol correre, aver espugnato il “Bettinazzi” è impresa non da poco, è forse il primo segnale di una presa di coscienza nuova.

Non c'è Tanasa, e si sapeva. Michael Salvadori, non ancora al meglio, si accomoda in panchina: sulla sua fascia, tocca a Gjoshi. In mezzo, confermati Solagna e Giacomazzi, completa il reparto Pelizzer. L'Adriese schiera due ex: Andrea Dall'Ara difensore centrale, Riccardo Santi riferimento offensivo. Il 4-3-1-2 dei rodigini è ordinato e fluido: Rosati, Incatasciato e Marangon seguono non di rado ispirazioni loro, i terzini vengono a sostegno (Martino in primis), il sistema di gioco si apre a soluzioni varie.

Partita Adriese vs Union Feltre, Serie D Girone CIn avvio, l'Adriese mantiene palla e la fa girare. Marangon esplode il primo destro da fuori, collo pieno, Borrelli risponde in due tempi. La replica porta la firma di Cossalter, che punta Ballarin sulla sinistra, frena, dà dietro a Solagna, controllo e destro a giro di Tommy, Motti si distende e devia in angolo. Il metodista Pagan tocca e smista tanti palloni, Pelizzer esce spesso in pressione, a scucire la tela blugranata. Al quarto d'ora, progressione-monstre di Pinton: ne salta uno, prende potenza, salta il secondo, accelera, arriva al limite e trova la chiusura di Ballarin. Poco dopo, punizione del fromboliere Marangon, dai 23-24 metri leggermente spostata sulla sinistra: l'esecuzione è notevole, la sfera si perde un metro oltre il primo incrocio. Il match è molto tattico. Guagnetti s'immola di testa su fucilata del solito Marangon, ma da un po' l'Union Feltre ha preso campo ed iniziativa. Madiotto si fa luce sulla destra e taglia il cross, spizzata a centroarea, la palla ricade dalle parti di Calì che, cercando la coordinazione, è ostacolato da Anostini: l'arbitro indica deciso il dischetto, Madiotto sistema il pallone, rincorsa, soluzione alta alla propria destra, Motti giù sull'altro lato, 1-0 per noi! Che, prima del riposo, potremmo raddoppiare: gran break di Pelizzer, suggerimento rasoterra in profondità che raggiunge Calì verso sinistra, controllo, diagonale, bravo di nuovo Motti a respingere in corner. Intervallo.

I due tecnici ripartono dagli stessi ventidue. Com'è prevedibile, l'Adriese avanza il proprio baricentro, l'Union Feltre serra i ranghi. Altra punizione di Marangon, destro dolcissimo ed affilato, fuori di un palmo. Busetto spara col mancino dalla distanza, lontanissimo dai pali. Martino trova il tempo per incornare da calcio d'angolo, ma mette fuori sul primo palo: per l'arbitro c'è una deviazione, altro giro dalla bandierina, pasticciamo il disimpegno, palla allargata su Marangon, cross al bacio, gran torsione di Santi che la gira sul palo lungo con Borrelli impotente: 1-1. Spingiamo subito, sulla destra: Pagan stende Pinton, è il secondo giallo, uomo in più per noi. Mister Pagan, allora, rompe gli indugi: fuori Solagna, dentro Rizzo, alla chiara ricerca dei tre punti. Se non che, due minuti dopo, attacco nostro, esce l'Adriese e prova a ripartire, Marangon va giù a contatto con Guagnetti (che giurerà a fine-gara di non averlo neppure sfiorato), secondo giallo anche per il nostro centrale, parità numerica immediatamente ristabilita. Adesso rischiamo di trovarci sbilanciati: Pagan abbassa Giacomazzi in terza linea, Rizzo va in mezzo con Pelizzer, Cossalter e Madiotto larghi, Calì unico attaccante. Ma è troppo rischioso: fuori Madio, dentro Episcopo, che si mette centrocampista centrale, e dimostrerà nei circa 20' a disposizione personalità, solidità e buone geometrie. L'Adriese prova a vincerla. Altra punizione appena fuori di Marangon, poi è lo stesso 10 a ricevere in area, dribblare Busatto spostandosela sul destro e cercare il rasoterra sul palo lontano, mancando però la porta. Ma non stiamo a guardare, ora la partita è vibrante, aperta ad ogni soluzione. Rizzo tocca corto dalla bandierina su Pinton, gran traversone sul secondo palo, stacco prepotente di Calì, gol! Arriva subito il fischio dell'arbitro, però, che ha ravvisato un'infrazione dell'ariete siculo: niente di fatto. Passano solo due minuti, ancora Rizzo la gioca, stavolta sull'out di sinistra, tocco centrale su Cossalter che, con l'esterno raffinato, premia l'inserimento di Gjoshi: Lillo ha ancora la gamba per saltare l'uomo e la lucidità per freddare Motti infilando il pertugio tra l'estremo di casa ed il primo palo. Gran gol, corsa verso la panchina, abbracci e gioia! Tempo di rimettersi a sedere, in tribuna, e tutto pare svanire un'altra volta, ancora, sempre così: su un cross da destra, è proprio Gjoshi, peraltro vicinissimo all'avversario, a toccare col braccio. Rigore per loro, mancano tre minuti alla fine. Se ne incarica Busetto, rincorsa, frenata, passo lungo per far muovere Borrelli che invece non si muove, e Busetto allora la deve aprire tantissimo, a cercare il fil di palo, la apre tantissimo in effetti, la apre troppo... fuori! Incredibile, una ripresa tutta scossoni e sorprese e ribaltoni. Ultimi cambi, quattro di recupero che diventeranno cinque, Ballarin centravanti aggiunto, Union Feltre a rialzare il muro, a tener botta... triplice fischio, si può finalmente esultare, tutti insieme! Alè ragazzi, è vinta!

Campo di gioco

Stadio Luigi Bettinazzi

Campo sportivo, Via Bettinazzi, 1, 45011 Adria RO, Italia

Condividi: