Union Feltre vs Cjarlins Muzane, Serie D

Serie D Girone C | 21^ giornata | Stagione 2017/2018

3-2

Serie D Girone C, Union Feltre vs Cjarlins Muzane

Tabellino

UNION FELTRE (4-3-3): Borrelli; Zonta, Busatto, Giacomazzi, Salvadori; Episcopo (47' s.t. Gjoshi), Tanasa, Solagna (1' s.t. Rizzo); Madiotto, Calì (26' Pelizzer), Cossalter.
Allenatore Andrea Pagan.

CJARLINS MUZANE (4-3-1-2): Calligaro; Zuliani, Dukic, Ferretti, Parpinel; Di Dionisio, Leonarduzzi (8' s.t. Dussi), Del Piccolo (34' s.t. Diomande); Spetic; Amodeo (44' s.t. Smrtnik), Bussi (36' s.t. Moras).
Allenatore Luca Lugnan.

ARBITRO: Luca Calvi di Bergamo.

MARCATORI: p.t. 6' Calì (UF), 15' e 34' Amodeo (CM); s.t. 28' su rigore e 48' Madiotto (UF).

NOTE: pomeriggio soleggiato, spettatori 350 circa. Recupero p.t.2', s.t.5'. Angoli 5-1 per l'Union Feltre. Ammoniti Episcopo (UF), Leonarduzzi, Ferretti, Spetic, Zuliani (CM).

Protagonisti

GIOVANNI MADIOTTO: sedici centri in ventun partite, media che comincia a impressionare. A due reti dal record personale (due stagioni fa, in coppia con Riccardo Santi), il dieci è la nostra differenza: lotta, inventa, trascina. Procura e trasforma il rigore, calcia addosso a Calligaro a tu per tu, lo inchioda col destro sotto la traversa che scatena l'apoteosi. Irrinunciabile.

VINCENZO CALI': zampata e prima esultanza di fronte al suo pubblico, incornata e riflesso di Calligaro che gli strozza il nuovo urlo in gola. Anzi no: l'urlo arriva poco dopo, quando provano a rimettergli in sede la spalla, uscitagli nella caduta. Stringe i denti, rimane in campo ancora un quarto d'ora col braccio praticamente immobile. Poi deve arrendersi, e se ne va a capo chino. Guerriero.

PIETRO ZONTA: primo tempo normale, non irreprensibile in un paio di situazioni difensive. Divampa nella ripresa, quando Pagan stringe le ali su Madiotto e chiede ai terzini spinta e profondità. A Pietro non par vero: azzanna la sua fascia, una percussione dietro l'altra, scorribande e cross. Stantuffo.

STEFANO PELIZZER: alimenta tutto, per citare il noto telecronista. Polmoni, mentalità, agonismo. Tra coloro che ci trascinano alla riscossa, in un secondo tempo di cuore ed orgoglio.

Cronaca

Union Feltre vs Cjarlins Muzane, Serie DChe partita, e quante emozioni! In vantaggio, si fa male Calì, la ribalta il Cjarlins punendo i nostri soliti momenti di dabbenaggine, rientriamo in campo dopo l'intervallo con tutt'altro piglio, Madiotto trova il pari dagli undici metri e lì abbiamo proprio la bava alla bocca: a vincere! Cuore, assalti, mille tentativi, belli o sporchi, rimpalli, ribattute, errori di mira. Fino all'ennesima discesa di Zonta, la palla dentro, il controllo di Giovanni, ed il destro che non si sa dove passi ma ben si vede dove finisca: sotto la traversa, Calligaro immobile tra i pali, 3-2, corsa sotto la tribuna, esultanza sfrenata, vittoria magnifica!

E' un bel pomeriggio, il Boscherai è rischiarato da un sole perfino tiepido. Marco Guzzo, l'ex, non può essere della partita causa squalifica. Del nostro Guagnetti e del suo ginocchio sappiamo, ma c'è pure Pinton in panchina, che ha accusato l'altro giorno un fastidio muscolare. Rientra Calì al centro dell'attacco, turno di riposo per Pelizzer, Tanasa torna nel cuore della squadra, affiancato da Episcopo e Solagna. Cjarlins a rombo, noi col 4-3-3.

Pronti via, Madiotto sfonda a destra e la mette dentro, la difesa ed il portiere ospite leggono male la traiettoria, Calì, sparito dai radar, non vedeva l'ora, zampata sul secondo palo a tanto così dalla linea di porta, 1-0! Un minuto, Busatto e Borrelli non si capiscono, s'incunea Bussi, rasoterra largo di una spanna. L'avvio è scoppiettante: gran volata di Salvadori, cross, la palla giunge sul secondo palo, Episcopo mastica il destro, out. Ribaltamento, palla lunga a cercare Amodeo, eccellente esecuzione col mezzo esterno di drop, del gol però solo l'illusione ottica. Il capitano scende ancora sull'out mancino, traversone al bacio, Calì incorna di strapotenza ma Calligaro è piazzato e respinge, l'ariete di Enna ricade malamente sulla spalla, Torresin e De Menech lo accompagnano in panca tentando in qualche modo di rimetterlo in sesto. Restiamo 5' con l'uomo in meno, ma il pari arriva istantaneo, alla ripresa del gioco: rimessa laterale alta, dalla sinistra, battuta lunga, la palla rimbalza due volte senza che nessuno dei nostri, portiere compreso, se ne occupi, arriva placida sul secondo palo dove Amodeo (capace peraltro, costui, di gesti tecnici ben più complessi) la può comodamente infilare nella porta sguarnita, 1-1. Calì stringe i denti e rientra, Cossalter converge da sinistra e calcia a giro sul palo lungo, l'imponente Calligaro è ben piazzato e la fa sua in due tempi. Al 26', Calì si deve arrendere, e lascia spazio a Pelizzer, che va mezzala: Madiotto falso nueve, adesso, ed Episcopo alto a destra. L'Union Feltre pare accusare l'uscita di scena del proprio puntero, come avesse perso certezze. Poco prima della mezz'ora, Bussi si fa luce in area, ma spreca da ottima posizione. Di lì a poco, Spetic va via troppo allegramente sulla sinistra, non lo chiudiamo, cross, Amodeo da tre metri, 1-2. Concediamo reti facili, di nuovo. Mister Pagan chiude il tempo a rombo, Episcopo vertice alto, ma si va al riposo senza altre occasioni.

Subito Rizzo per Solagna, di nuovo 4-3-3, modulo che ora adotta pure il Cjarlins, con Bussi e Del Piccolo alti, a spalleggiare Amodeo. Partiamo con veemenza, Zonta produce il primo affondo e tocca su Rizzo, buono lo shoot manicno, ma centrale. Il Cjarlins sta guardingo, adesso, tentando tutt'al più qualche azione di rimessa. Punizione da sinistra, stacco poderoso di Giacomazzi che fa da sponda sul secondo palo, Madiotto gira col destro, palla altissima. Bussi entra in area e prova alla Del Piero, ma la mira è ampia. Zonta sfonda e la mette dentro rasoterra, botta di Rizzo, contro il muro. Sul prosieguo, è ancora il catanese a farsi luce sul limite dell'area ed a calciare col mancino, ma il rasoterra si perde a lato con Calligaro a sorvegliare in tuffo. 25', di nuovo Zonta sugli scudi, fuga e cross, respinta sporca, Rizzo trova la coordinazione, splendida risposta di Calligaro sotto la traversa. Ormai la pressione verdegranata è costante. Palla lunga di Salvadori a premiare lo scatto di Madiotto, contatto con Ferretti già dentro l'area, Calvi indica deciso il dischetto: Madiotto manda Calligaro a sinistra e lo infila glaciale sulla destra, 2-2. Due cambi di mister Lugnan, ma le redini le abbiamo ormai in pugno noi. Invenzione di Episcopo al 41': esterno illuminante a mettere Madiotto solo di fronte al portiere, il dieci non crede a tanta grazia e centra in pieno l'estremo proteso in tuffo. Dentro anche Lillo, a 60” dalla fine l'episodio decisivo: Cossalter converge da sinistra ed apre sul solito, inesauribile Zonta, cross a pelo di sintetico dentro un'area stracolma, Madiotto s'è ritagliato magicamente il suo francobollo sul quale stoppare ed impattare col destro, la sfera indovina la rotta celestiale, scansa chiunque, vola, spernacchia la traversa e gonfia il sacco con Calligaro impotente ed incredulo. Boato, corsa pazza verso la recinzione e la gente, adrenalina in circolo, trionfo!

Campo di gioco

Impianti Sportivi Boscherai

Impianto sportivo Boscherai, Via Guglielmo Marconi, 11/f, 32034 Pedavena BL, Italia

Condividi: